10 modi per sviluppare la gratitudine dei figli

Come possiamo sviluppare la gratitutine dei figli? Un bambino grato sarà un giovane educato e rispettoso… Così almeno ci dicono e mi sembra osservando le giovani adolescenti al compleanno di un’amica di Emma.


TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO DI DEBORA CONTI, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!


La gratitudine dei figli è uno dei valori più importanti e basici che il genitore vuole sviluppare e per cui lavora incessantemente nei suoi primi anni di vita.

È meraviglioso, siamo al compleanno di cinquenni e vedo queste due giovani adolescenti che chiedono rispettosamente il permesso per cose semplici, banalità… Cose per cui un cinquenne non chiederebbe neppure, o andrebbe in panico, o arrafferebbe maleducatamente… Ah, che meravigliosa realtà! Vero è che poi l’adolescenza riserva i suoi problemi, ma i cinquenni e vicini, ci danno comunque il loro bel filo da torcere.

E allora, pensiamo: come possiamo sviluppare il senso di rispetto e gratitudine nei nostri figli?

Ecco i 10 modi per sviluppare la gratitudine dei figli:


1 Ringrazialo/a quando fa qualcosa per te. Per essersi messa le pantofole, per aver soddisfatto una tua richiesta al primo appello, per aver appeso il cappottino (e non gettato per terra), per aver detto semplicemente “per favore”. Dai due anni in avanti (diciamo tre per essere sicuri) siamo alle basi (ma proprio alle basi) signore e signori. Le minime cose sono difficili da ottenere.

2 Ringrazia altri davanti a lui/lei. Il negoziante per passarti il sacco della spesa o il resto, il vicino di casa che tiene aperto il portone, la maestra per … averti semplicemente conservato la figlia o il figlio sano e salvo per la giornata!

3 Diciamogli “no” se necessario e manteniamolo. Ai giochi c’è un limite. Ai regali c’è un limite. Ai ciupa ciups c’è un limite… Tutto DEVE avere un limite e una regola, altrimenti non è più apprezzato e si entra nel circolo vizioso dei “voglio voglio voglio voglio”! Se in questo momento ti trovi nel circolo di questi “voglio” prova nei prossimi tre giorni a dire semplicemente “no” e mantenere la parola. Tuo figlio ti prenderà più sul serio e apprezzerà di più il “sì” di domani. La gratitudine dei figli si ottiene anche con semplici posizioni di correttezza.

4 Evita il sarcasmo. Tanto non lo capisce e rischiamo di confonderla/lo. Il sarcasmo non viene compreso fino alla pre-adolescenza. I figli hanno bisogno di regole, di sì e di no, di umorismo (certo), ma di sarcasmo su ciò che non fanno giusto, inutile.

5 Dimostrati generosa/o ai suoi occhi. Donate giochi vecchi ad asili, oratori, pediatrie… Fagli vedere che i tuoi vestiti dismessi, ma ancora in buono stato, li porti ai cassoni di riciclaggio. Fagli vedere che ringrazi la vicina di casa per averti tenuto il gatto in vacanza con una torta preparata appositamente per lei.

6 Parliamo di ricompense. Alcuni libri parlano male delle ricompense. E io rispondo: non facciamo di tutte le ricompense un fascio! Eheh! Se per ricompensa o “premio” si parla di soldini, regali, giochi… io risponderei: troppa roba! Troppo complicato! Rischio: vizio! Per ricompensa io direi che bastano un bel sorriso, un bell’abbraccio, un grazie di cuore, un “batti un cinque” e simili.

7 Diglielo quando ti manca di rispetto. Altri metodi educativi demotivano il genitore che riprende la maleducazione del figlio ritenendo che sia un problema di gestione emozionale del genitore… Ok!?!?!? Io sono dell’avviso che, se il figlio insulta o ci getta cose addosso, ha bisogno di essere ripreso. Vietato strattonare, vietato fare scenate o picchiare naturalmente! Consigliati: tono di voce fermo ma dolce, mettersi all’altezza del figlio, guardarlo negli occhi. So che non è sempre fattibile, lo Yale Method suggerisce di non accanirsi per la “giustizia”. Abbiamo tutta una vita per educarli a ciò che è giusto e rispettoso… non esageriamo 🙂 Come detto prima, la gratitudine dei figli è un piatto che va cucinato mooooolto lentamente 🙂

8 Insegnagli/le ad apprezzare le cose semplici. Dal pane al latte, dalle verdure fresche ai vestiti caldi. La salute, un abbraccio, un libro letto insieme, il silenzio per due minuti sul divano… Meraviglioso. Sovra-eccitare i figli può essere dannoso per il loro riposo, la calma e i “capricci” da stanchezza (quelli confusi come tali ma che sono solo stanchezza).

9 La sera ringraziala/o per qualcosa che ha fatto. La sera, dopo la storia della nanna e intanto che le/gli dai il bacino della buona notte, ringraziala/o per una cosa bella che ha fatto per te. E se è successo qualcosa di negativo, scusati per qualcosa che hai fatto di irrispettoso. È meraviglioso.

10 Riempi la casa di post-it di gratitudine! Certo, è più facile quando sa leggere, ma anche prima delle scuole elementari puoi disegnare una faccina sorridente, puoi disegnarla a fianco di uno spazzolino da denti, a fianco delle ciabattine, a fianco del pigiamino….

La gratitudine dei figli si ottiene mostrandosi grati verso di loro e verso terzi e pazientemente educandoli a manifestare gratutine, verso i genitori e verso adulti vicini. Fare il genitore è il lavoro più difficile al mondo, spero che queste riflessioni ti aiutino a facilitarti il compito che hai scelto.


TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO DI DEBORA CONTI, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!

Debora Conti, autore dell'articolo: 10 modi per sviluppare la gratitudine dei figli
10 modi per sviluppare la gratitudine dei figli – Diventa Genitore Leader e Coach – Figli Felici
Un articolo di Debora Conti, mamma, Trainer di PNL da più di 10 anni e l’unica operatrice certificata in Europa per lo Yale Parenting Method presso Yale University, ideatrice del metodo Figli Felici. Nel 2013 ha ideato il metodo Figli Felici ed è autore del libro “Il Linguaggio Emotivo dei Bambini” con Sperling & Kupfer.

3 video gratis per crescere i figli in un ambiente sereno… per tutti!

Il primo video ti parlerà di come “complimentarsi”, cioè l’elogiare o praise in inglese. Il secondo video introdurrà la tecnica dell’ignorare. Nel terzo video capiremo come sono neurologicamente così diversi rispetto a noi.

Il Linguaggio Emotivo dei Bambini, un liro di Debora Conti

Potrebbe piacerti anche…

Rimedi e problem solving: alternativa alle punizioni
27.524
I rimedi e il problem solving sono alternative validissime alle punizioni. Niente punizioni: con i bambini grandicelli troviamo una soluzione insieme e svilupperanno le loro capacità di problem solving e impareranno a rimediare ai danni. In un altro...
Comportamento oppositivo: cosa fare?
27.858
Parliamo di quei comportamenti oppositivi che tanto ci lasciano spiazzati e dinnanzi ai quali non sappiamo bene cosa fare. Dinnanzi a un bambino che ti urla di NO e poi ti tira pure un calcio, che getta ciò che ha in mano e se ne va: cosa possiamo fare?...
Assentarsi e come dirlo a vostro figlio
27.445
Volete scappare per un week-end romantico? O devi assentarti per lavoro? Come fai a dirlo a tuo figlio? Senza sentirti colpevole, senza che lui abbia paura e senza che tu “puzzi” di paura… Ci ho pensato anche io e ci ho pensato tanto. A parte per...
Come evitare (per quanto possibile) di urlare ai bambini
23.893
Abbiamo già parlato del perché urliamo nonostante tutti i nostri buoni propositi (puoi leggere qui l'articolo in merito al funzionamento della parte limbica del nostro cervello), ti ho anche già suggerito tre modi per cambiare il contenuto di quelle...
Come gestire le emozioni dei piccoli?
22.945
Sono tutte nuove le emozioni per loro... E' nostro dovere (e anche piacere, perché no!) di genitori, aiutare i nostri figli a 1) riconoscere, 2) distinguere e 3) gestire le emozioni... Tra gioia e rabbia, tra frustrazione e felicità pura! Guarda il...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *