5 trucchi per risolvere i capricci dei bambini?

In un precedente articolo ti ho parlato del “Perché i bambini fanno i capricci?“, distinguendo le varie situazioni, motivazioni e cause, anche per età. In quest’altro articolo collegato, vedremo come poter “risolvere” un capriccio: a volte prevenendo, a volte contenendo, a volte cambiando atteggiamento.


TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO DI DEBORA CONTI, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!


Nell’articolo sulle motivazioni che inducono il bambino piccolo (diciamo fino ai 6 anni) a fare un capriccio, ti ho parlato di:

  1. stanchezza,
  2. frustrazione per un nostro “no”,
  3. frustrazione per la nostra intromissione,
  4. incapacità di gestire un’emozione irrompente e…
  5. dei capricci dei bimbi grandi che dimostrano o una semplice leggerezza dei genitori sulle regole oppure disagi più profondi, tra cui mancanza di rispetto dei genitori, assenza, tensioni, indifferenza…

Parliamo di come aiutare i nostri figli nei vari casi:


  1. I BAMBINI PICCOLI (DA 0 A 2 ANNI), HANNO BISOGNO DI ESSERE CONTENUTI, ABBRACCIATI, FERMATI.
    Hanno gesti forti, anche violenti (e non se ne rendono conto), e vogliono il contatto. L’abbraccio, per stanchezza o quando bisogna contenere un capriccio violento che rischia di diventare perisoloso, è necessario. Anche se all’inizio si divincolano perché vogliono esprimere – giustamente – la loro contrarietà, sta a noi verificare se possiamo lasciarglielo fare, anche standogli accanto, o se dobbiamo “contenere” e abbracciarli per evitare che si facciano male.

  2. PUOI PREVENIRE RIPENSANDO AI CAPRICCI PASSATI.
    Se leggendo l’altro articolo, o pensandoci ora, ti rendi conto che hai spesso sostituito tuo figlio in azioni che poteva tentare lui o lei, fermati e inizia a lasciargli/le spazio. L’indipendenza e l’autonomia sono le vie preferenziali per la sua autostima in progress. Se sai che al supermercato o dai nonni si comporta in un modo poco rispettoso nei tuoi confronti o delle altre persone, Previeni! Prepara tuo figlio dicendogli che “Adesso andremo al super a prendere solo le cose che sono scritte sulla lista”, “Tu potrai scegliere il sacchetto di verdura che la mamma ti dirà di prendere”… e che “È un compito importante perché dovrai scegliere quelle belle colorate e buone, dovrai guardarle e sceglierele con attenzione”…

  3. LA TUA PRESENZA PUÒ ESSERE SUFFICIENTE.
    Se sono frustrati, stanchi e fanno un capriccio esagerato, la tua presenza tranquilla accanto può essere sufficiente. Vedrai che, il bambino poi, vedentodi presente e calma/o, verrà da te, magari piangendo, e cercherà il contatto per “prendere” tutta la tua calma e farla sua. Se ritieni invece che possa e abbia il diritto di protestare puoi a) lasciargli quel minuto di protesta inconsulta e poi…

  4. …E POI LE PROSSIME VOLTE PASSI AL PIANO B): GLI INSEGNI COME FARE PER ESPRIMERE LA PROPRIA OPPOSIZIONE.
    I bambini, come tutti, devono poter esprimere i propri sentimenti (altrimenti, come ben sai, sistema nervoso, immunitario, linfatico, endocrino ne soffrono), è nostra responsabilità di genitore insegnare loro come riconoscere quelle emozioni e come esprimerle al meglio. Io sono nel pieno di questa fase educativa, che ci mette uno o due anni (se pensiamo che per alcuni è questione di una vita intera!). Mia figlia di 4 anni piagnucola, parlicchia e si innervosisce per un nonnulla a volte. Anche senza che sia “colpa” di nessuno di noi, solo con un foglio che non si piega bene magari. E questo succede a orari precisi di solito. Noi ci avviciniamo, chiediamo quale sia il problema, suggeriamo (a voce calma) di parlare con tono normale, di raccontarci il problema e già siamo a metà dell’opera. Eliminare quel piagnucolio fastidiosissimo, dà sollievo alle nostre orecchie (certo!) e spezza anche quella bolla di agitazione in cui si era gettata dinnanzi a un problema per noi inesistente. Poi, quando la sua mente e la mia sono tranquille, insieme e in armonia, posso sempre suggerirle un modo produttivo di esprimere la sua rabbia. Un bel “mannaggia” con gesto della mano a noi di solito basta. So di bambini che devono saltare, correre, gettare cuscini a terra… A ognuno la sua, basta che sia breve (non un’ora di sfogo, voglio dire!) ed utile a calmarsi.

  5. SE POI CI RENDIAMO CONTO CHE NOSTRO FIGLIO, ANCHE ORMAI GRANDICELLO, SI COMPORTA IN MODO DIVERSO DAI SUOI COETANEI CHE RIESCONO A GESTIRE MEGLIO IL PROPRIO UMORE, ALLORA – FORSE – DIPENDE DA NOI ED È ORA CHE OSSERVIAMO IL NOSTRO ATTEGGIAMENTO.
    Come ti poni? Lo ascolti? Sei calmo “intorno” a lui/lei? Lo coinvolgi? Gli lasci spazio per parlare? raccontare? fare? Essere indipendente? Vivi tensioni che – per il bene dei tuoi figli – potresti lasciare fuori di casa? La vostra coppia ha un buon rapporto (per la maggior parte del tempo), i figli sentono coesione e amore? Sta a te pensare a come migliorare il tuo rapporto con tuo figlio nel rispetto suo, tuo e di tutti gli elementi della famiglia.

Per condividere regole con tuoi figlio ti rimando qui all’articolo sul come chiedere.


TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO DI DEBORA CONTI, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!

Debora Conti, autore dell'articolo: 5 trucchi per risolvere i capricci dei bambini?
5 trucchi per risolvere i capricci dei bambini? – Diventa Genitore Leader e Coach – Figli Felici
Un articolo di Debora Conti, mamma, Trainer di PNL da più di 10 anni e l’unica operatrice certificata in Europa per lo Yale Parenting Method presso Yale University, ideatrice del metodo Figli Felici. Nel 2013 ha ideato il metodo Figli Felici ed è autore del libro “Il Linguaggio Emotivo dei Bambini” con Sperling & Kupfer.

3 video gratis per crescere i figli in un ambiente sereno… per tutti!

Il primo video ti parlerà di come “complimentarsi”, cioè l’elogiare o praise in inglese. Il secondo video introdurrà la tecnica dell’ignorare. Nel terzo video capiremo come sono neurologicamente così diversi rispetto a noi.

Ogni abbraccio, ogni bacio e ogni coccola fatta al proprio figlio aiuta direttamente ad agevolare il sano sviluppo della sua autostima. Debora Conti - Speling & Kupfer - Metodo Figli Felici - Kazdin Parenting Method  - PNL - Programmazione Neurolingiostica - Yale Parenting Center

Ogni abbraccio, ogni bacio e ogni coccola fatta al proprio figlio aiuta direttamente ad agevolare il sano sviluppo della sua autostima. Debora Conti - Speling & Kupfer - Metodo Figli Felici - Kazdin Parenting Method  - PNL - Programmazione Neurolingiostica - Yale Parenting Center

Ogni abbraccio, ogni bacio e ogni coccola fatta al proprio figlio aiuta direttamente ad agevolare il sano sviluppo della sua autostima. Debora Conti - Speling & Kupfer - Metodo Figli Felici - Kazdin Parenting Method  - PNL - Programmazione Neurolingiostica - Yale Parenting Center

Potrebbe piacerti anche…

Perché urliamo ai figli anche se non vogliamo?
27.041
Ti sei ripromessa/o mille volte che non avresti mai più urlato, eppure capita... in una frazione di secondo, parti a raffica e urli. Frasi che non ti appartengono, che tu non diresti mai... a volte sembrano frasi di altri tempi. ...in questo articolo...
Appartenere e distinguersi: 1 dritta dalla Positive Discipline
8.537
In inglese si dice Belonging and Significance, lo ha detto Rudolf Dreikurs con Alfred Adler (ma lo ha anche detto Maslow nella sua Piramide…). In italiano si traduce: appartenere e distinguersi al/dal nucleo famigliare. Ma cosa vuol dire? Se ne tieni...
Il tempo per sé e il tempo PER I FIGLI
24.759
Cara mamma che passi tutto il tuo tempo con i tuoi figli e solo con i tuoi figli, oggi ti voglio lanciare un messaggio: se ti ritrovi a rispondere in malo modo, troppo nervosamente a una richiesta “da bambino”… Stai attenta. Tu sei un adulto e hai...
Perché i bambini fanno i capricci?
26.998
Ecco una domanda da un milione di dollari... Vediamo innanitutto cos'è un capriccio e poi in questo articolo cercheremo di individuarne le cause. In un prossimo articolo troveremo anche i modi di risolvere e far diminuire i capricci. Cos'è un...
Come promuovere l’autonomia nei nostri figli
8.872
Una frase semplice per promuovere l’autonomia e il senso di auto-efficacia nei nostri figli: Disponibili ma non a disposizione! Questa frase salva noi genitori dal dover stargli sempre dietro (e dai sensi di colpa che alcuni genitori provano se non lo...

Comments 2

  1. Ciao, con i miei bimbiho visto che: con la seconda, più irrequieta, più esplosiva, soffriva molto dei miei momenti di nervosismo, di rabbia perchè aumentava il suo nervosismo e la sua rabbia e anche se sono migliorata, ci sono delle situazioni in cui mi porta all’esasperazone in cui perdo le staffe e la scaravento e lì finisce tutto. Credo sì ci siano motivi diversi e a volte sono abitudini, che poi ho cercato di cambiare, per esempio molte volte si metteva a dormire sgridandola, perché erano 1000 richieste una dietro l’altra: abbiamo messo delle regole, delle coccole diverse e ci siamo riuscite, é una testa dura e a volte è difficile prenderla.
    L’altro invece sembra che ti sgusci via, se l’altra è un muro di mattoni, lui di gomma in cui le cose rimbalzano e boh! I miei momenti di tilt in cui lo scaravento, gli provocano una frustazione più interiore. Lui quand’è di “luna storta” dice di essere Ebenezer Scrooge: vuole stare da solo e fa finta “più o meno” di essere scontroso. E poi (ha appena fatto i 5 anni) ha ancora momenti di rabbia/lagna che ha volte ho gestito con rabbia e aumentano l’Ebenezer che è in lui, che sfocia nell’essere un po’permaloso.

    1. facebook-profile-picture Post
      Author

      Ciao Beatrice,
      mi fa un po’ paura il tuo “scaraventare”… cosa vuoi dire?
      Mi pare che urla su urla non sia efficace. Come dici tu aumenta l’eccitazione e il nervosismo.
      Non credo che la situazione ti vada bene cosi’, giusto?
      Se hai domande, sono e siamo qui.
      Debora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *