6 cose fare di fronte a un capriccio

Cosa fare di fronte a un capriccio? Distinguiamoli perché NON sono tutti uguali e poi correggiamoli, preveniamoli, prepariamoci!


TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO DI DEBORA CONTI, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!


Non è il primo articolo che dedico ai capricci: qui parlo di 5 trucchi da adottare per risolvere i capricci, e qui parlo del Perché fanno i capricci?

Sembra che noi genitori siamo scioccati, irritati, a disagio di fronte ai loro capricci. E in effetti è così. Non scorderò mai il primo capriccio di mia figlia per terra in corridoio. Ne restai scioccata! Pensai che fosse strano, anormale, anomalo, da controllare!!! Ero in panico. Questo fu uno dei motivi che mi spinse a scoprire quanto diversa è la loro maturazione cerebrale da ciò che noi genitori ci aspettiamo e quanto i capricci siano NORMALI e DIVERSI tra loro.

E allora come distinguere i capricci e cosa fare per ciascuno di essi e poi come trattarli differentemente?

1 CONTIENI
Accogli e contieni se il capriccio è di un bimbo piccolo (fino ai 4 anni) e se arriva la sera o dopo un’attività intensa, perché è solo il frutto della stanchezza. Contieni eventuali danni che può fare a sé, cadendo, facendosi male, o ad altri, tirando accidentalmente un pezzo di costruzioni sul fratello! Non è da mettere in punizione, è solo da contenere. Da calmare, da portare via in un Time In tranquillo con musica e coccola.

2 ASCOLTA IL MESSAGGIO DI FONDO
Se tuo figlio che va alla materna o alle elementari ti dice che non vuole andare a scuola o non vuole andare al corso di ballo/karate/calcetto… Chiedigli il perché. Prendilo in un momento di tranquillità (ricorda: Connection Before Correction) e poi chiedigli il motivo del suo rifiuto, nervosismo, disagio. E se si tratta della scuola e non hai tempo la mattina di parlarne, promettigli che ne parlerete dopo la scuola in giornata e che troverete sicuramente una soluzione. Molto probabilmente la maestra lo ha sgridata/o o un compagno lo ha messo in imbarazzo. Va da sé che se la richiesta è espressa in modo drammatico e urgente, bisogna indagare un po’ di più per eventuali casi di bullismo… Ma questo dovrebbe essere manifesto già dal giorno prima, da silenzi, domande strane…

3 IGNORA QUEL CAPRICCIO DA VIZIO
Assolutamente meraviglioso è ignorare quei capricci che sono solo richieste, voglia del figlio di tirare la corda della disponibilità del genitore e vedere fino a cosa possono ottenere. La Positive Discipline ci insegna che il genitore deve essere dolce nella sua fermezza. Alcuni genitori sono così dolci che diventano zerbini e dimenticano per strada la fermezza. La fermezza crea una cornice di rispetto, di comportamento corretto, di educazione. Quindi, sei assolutamente autorizzato ad ignorare quel capriccio per volere una caramella in più quando hai già detto di “no”, quel capriccio al supermercato per il giochino di troppo, quel cartone alla TV oltre l’orario serale.

4 MANTIENI LA CALMA
In tutto questo, soprattutto per il precedente punto tre: mantieni la calma. Fatti un giro, esci fuori a respirare. Prenditi due minuti di Time Out del genitore. E’ importantissimo calmare se stessi prima di gestire un capriccio (che non sia di stanchezza o suo disagio) perché se parliamo a sproposito, se non conteniamo, se non diamo il nostro supporto, allora non serviamo in quel momento.

5 STAGLI DI FIANCO IN SILENZIO Alternativa validissima all’ignorare è stargli di fianco in silenzio. Anche quando è per terra ad agitarsi per quel cartone mancato. Tu puoi o finire di sparecchiare la tavola serenamente o, se preferisci, restare di fianco a tuo figlio, amorevolmente in silenzio, e aspettare. Aspetta che si calmi. Se dopo tre minuti non si calma, sei sollevato dalla posizione e dalla violenza sonora. Anzi, rischia di peggiorare le cose… Il metodo comportamentale dello Yale Parenting Center ci insegna statistiche alla mano che ogni comportamento sottolineato è un comportamento rinforzato. Se restargli accanto per lui è un rinforzo, fai prima a fare qualcos’altro, altrimenti lo rifarà senza capirne il motivo.

6 ANTICIPA La cosa migliore da fare è naturalmente giocare d’anticipo. Anticipa la stanchezza, contienila prima che esploda con una bella coccola o un cartone TV calmo dopo una giornata frenetica. Anticipa il capriccio del cartone parlandone con lui o lei e dicendo cosa succederà. Anticipare paga e il modo per farlo è uno degli argomenti al corso dal vivo di Figli Felici.


TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO DI DEBORA CONTI, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!

Debora Conti, autore dell'articolo: 6 cose fare di fronte a un capriccio
6 cose fare di fronte a un capriccio – Diventa Genitore Leader e Coach – Figli Felici
Un articolo di Debora Conti, mamma, Trainer di PNL da più di 10 anni e l’unica operatrice certificata in Europa per lo Yale Parenting Method presso Yale University, ideatrice del metodo Figli Felici. Nel 2013 ha ideato il metodo Figli Felici ed è autore del libro “Il Linguaggio Emotivo dei Bambini” con Sperling & Kupfer.

3 video gratis per crescere i figli in un ambiente sereno… per tutti!

Il primo video ti parlerà di come “complimentarsi”, cioè l’elogiare o praise in inglese. Il secondo video introdurrà la tecnica dell’ignorare. Nel terzo video capiremo come sono neurologicamente così diversi rispetto a noi.

Il Linguaggio Emotivo dei Bambini, un liro di Debora Conti

Potrebbe piacerti anche…

Video per far collaborare i nostri figli
25.012
E' il problema di tutti noi genitori. tutti noi adulti vorremmo dei bambini che - semplicemente - collaborano! Immagina un bambino che a) ascolta, b) obbidisce, c) collabora... Meraviglioso non è vero? Scordiamocelo. non sarà mai sempre così....
Bambini viziati: ma veramente? E se sì, perché?
11.032
Si parla molto di bambini viziati, soprattutto di quelli degli altri. Poi, però, quando capita a noi di viziare un figlio quasi non ce ne rendiamo conto. Vediamo chi non è un bambino viziato e chi invece lo è veramente. I neonati non sono bambini...
5 situazioni per diventare genitori migliori
22.816
Chi guida i figli? Chi li aiuta nella crescita? Noi: i loro genitori. Che disastro se la torre di Pisa crollasse! Che disastro se mancano le fondamenta a una casa! Che disastro se i figli non hanno l'appoggio solido dei genitori. Per essere genitori...
Genitori single: difficoltà e rinascite
6.975
Oggi intervisto, con molto piacere, l’intelligente e energica Giuditta Pasotto, fondatrice del portale (più che un semplice blog!) per Genitori Single, GenGle.it. Giuditta, ex mamma single ha creato un vero e proprio portale di support TRA genitori...
Il pianto dei bambini – dedicato alle neo-mamme
17.676
Il pianto dei bambini è tremendo, fonte di stress per chi lo subisce. E allora, dedico questa meravigliosa poesia di Alessandro Volta a tutte le neo-mamme che – come capitò a me – si trovano spiazzate da questo pianto apparentemente ingiustificato...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *