Bambino viziato? Ecco cosa fare per migliorarti la vita!

Sai di avere un bambino viziato e vuoi porre rimedio. Diventa grande e non si può andare avanti così… Se va a casa di amici è un disastro, ti vergogni per i commenti delle mamme amiche, non sai come giustificarti, le scuse sono finite e tuo figlio è grande abbastanza per gestirsi da solo.


TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO DI DEBORA CONTI, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!


Ecco alcune dritte per come correggere il comportamento di un bambino viziato.

Per approfondire l’argomento, scopri perché alcuni bambini sono viziati e chi invece non è viziato leggendo questo articolo.

1. Ricerca le possibili cause. Sei spesso assente? Affidi tuo figlio a nonni o tate? Tuo figlio sente la tua mancanza? I figli hanno bisogno, fisico e emotivo, di contatto con la fonte del loro amore (voi genitori), se li private di questo cercheranno di soddisfare il bisogno di amore in altro modo, a volte poco produttivo come diventando capricciosi, esigenti e… maleducati. L’altro caso che vedo in certi genitori, molto spesso mamme che educano sole (perché il papà spesso fuori), è la resa. La mamma si arrende e diventa succube del figlio. Ha paura delle sue grida, non regge i disagi del figlio e lo accontenta in tutto e per tutto. Crede così di salvarsi, almeno la giornata, ma fa peggio nel medio-lungo termine e ne pagherà le conseguenze. In questo caso, la mamma deve rendersi conto del suo comportamento e correggere prima se stessa e poi il figlio. Vediamo come procedere…

2. Agisci e correggi. Risolta la causa (assenza o sottomissione psicologica), è ora di passare all’azione. Se ti sei reso conto di essere spesso assente, rimedia con momenti di qualità. La sera, se sei finalmente a casa, approfittane per contatto fisico, coccole, giochi insieme, complicità, racconti… Se eri una mamma succube, risvegliati e riprendi le redini dell’educazione. Sei tu la leader educativa, tuo figlio non ha bisogno di essere soddisfatto in tutto, ha bisogno di regole e confini. Tu sei la fonte di queste regole e di confini.

3. Scegli un piano d’azione. Pensa a come poter risolvere la distanza o la tua sottomissione. Prevedi i momenti da dedicare a tuo figlio e mantienili. Prevedi i suoi capricci e richieste esagerate e preparati a dire “no” e a mantenere la parola. Preparati a mantenere un atteggiamento calmo, amorevole e fermo… La famosa formula della dolcezza e fermezza qui funziona molto bene.

Cosa significa però il binomio “dolcezza – fermezza“? Significa che se prometti devi mantenere. In positivo e in negativo. Se per esempio prometti del tempo di qualità, devi poi trovarlo e mantenere la promessa. Se stabilisci la regola dei cartoni animati solo in un certo orario o del “Niente giochi se si va al supermercato”, devi mantenere la tua parola ad ogni costo. Pena la perdita di credibilità e leadership. Se eri una di quelle mamme succubi per quieto vivere, visualizzati leader di tuo figlio e correggiti.

Fai questo breve esercizio mentale: in uno spazio immaginario davanti a te vedi tuo figlio che continua a essere un bambino viziato. Come si comporta a scuola? Come ti schiaccia psicologicamente e come ti stressa tutto questo? Come pensi di andare avanti ancora e per quanti anni? Poi, in un altro spazio immaginario davanti a te e a fianco, vediti agire come mamma leader, mamma guida, mamma serena, mamma che detta regole giuste e corrette, mamma che parla con voce amorevole, dolce e ferma, mamma che si fa rispettare. Come si comporta tuo figlio? Come impara a gestire la frustrazione del “no”? Come cresce in un giovane ragazzo (o ragazza) autonomo? Come lo avrai aiutato da grande?

Un bambino viziato diventa un bambino rispettoso se gli diamo occasioni per mostrarsi educato e rispettoso.

Le occasioni per mostrarsi rispettoso ed educato sono le regole. Le regole devono seguire delle precise caratteristiche. Fai in modo che le tue regole siano corrette, rispettose di tutti in famiglia, poche e applicate da tutti. Se il tempo per la televisione è dalle 17:30 alle 18:30, evita di passare tutta la domenica pomeriggio davanti alla televisione… Con la scusa che i tuoi occhi sono già rovinati e invece tuo figlio deve stare attento. Approfondisci le regole e le precise caratteristiche in questo articolo.


TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO DI DEBORA CONTI, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!

Debora Conti, autore dell'articolo: Bambino viziato? Ecco cosa fare per migliorarti la vita!
Bambino viziato? Ecco cosa fare per migliorarti la vita! – Diventa Genitore Leader e Coach – Figli Felici
Un articolo di Debora Conti, mamma, Trainer di PNL da più di 10 anni e l’unica operatrice certificata in Europa per lo Yale Parenting Method presso Yale University, ideatrice del metodo Figli Felici. Nel 2013 ha ideato il metodo Figli Felici ed è autore del libro “Il Linguaggio Emotivo dei Bambini” con Sperling & Kupfer.

3 video gratis per crescere i figli in un ambiente sereno… per tutti!

Il primo video ti parlerà di come “complimentarsi”, cioè l’elogiare o praise in inglese. Il secondo video introdurrà la tecnica dell’ignorare. Nel terzo video capiremo come sono neurologicamente così diversi rispetto a noi.

È preferibile dire: «Si parla con un tono di voce normale» piuttosto che: «Non si urla», meglio dire che si usa la forchetta piuttosto che non si usano le mani per mangiare... Debora Conti - Speling & Kupfer - Metodo Figli Felici - Kazdin Parenting Method  - PNL - Programmazione Neurolingiostica - Yale Parenting Center

È preferibile dire: «Si parla con un tono di voce normale» piuttosto che: «Non si urla», meglio dire che si usa la forchetta piuttosto che non si usano le mani per mangiare... Debora Conti - Speling & Kupfer - Metodo Figli Felici - Kazdin Parenting Method  - PNL - Programmazione Neurolingiostica - Yale Parenting Center

È preferibile dire: «Si parla con un tono di voce normale» piuttosto che: «Non si urla», meglio dire che si usa la forchetta piuttosto che non si usano le mani per mangiare... Debora Conti - Speling & Kupfer - Metodo Figli Felici - Kazdin Parenting Method  - PNL - Programmazione Neurolingiostica - Yale Parenting Center

Potrebbe piacerti anche…

Comportamento oppositivo: cosa fare?
30.069
Parliamo di quei comportamenti oppositivi che tanto ci lasciano spiazzati e dinnanzi ai quali non sappiamo bene cosa fare. Dinnanzi a un bambino che ti urla di NO e poi ti tira pure un calcio, che getta ciò che ha in mano e se ne va: cosa possiamo fare?...
È giusto controllare o dirigere i loro giochi?
22.695
La risposta è no. Il motto di questo articolo è: facciamo dirigere i giochi a loro! E' giusto supervisionare, controllare, ma mai dirigere o comandare i loro giochi. Ecco un video dal mio canale su You Tube... Si parla di come giocare e di come alcuni...
Come smettere di urlare ai tuoi figli in 28 giorni
33.037
Quante volte ti sei ritrovata/o ad urlare ai tuoi figli e dire cose inutili? Poi, a fine strigliata, dirti che sei stanca/o di urlare ai bambini, che tanto non serve a nulla... E, inoltre, ti sentivi anche spossata o stanco. Hai perfettamente ragione....
5 strategie per essere genitori migliori partendo da noi
24.006
Proseguono le soluzioni per come essere genitori migliori. Ho già parlato di cose da fare CON loro, oggi mi riferisco a TE e al tuo di benessere. Quando si hanno dei figli si pensa praticamente sempre a loro, si vive per loro, si compra per loro, si...
Quattro cose che la fermezza NON È
24.192
La fermezza è l'altra parte della bilancia nella "positive discipline" e in tutte le discipline educative contemplate oggi. Da questa parte della bilancia resta in perfetto equilibrio lei, la dolcezza. Le due restano sospese (quasi) sempre alla stessa...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *