Educazione e rispetto per sé? Non obbligare tuo figlio a baciare qualcuno!

Lo scopo di questo articolo è parlare di educazione e rispetto, di forzature da parte del genitore troppo scrupoloso e di rispetto… Ma non verso gli altri, verso se stessi.


TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO DI DEBORA CONTI, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!


Il rispetto che i figli devono saper coltivare per sé, le proprie scelte, la propria indipendenza e il proprio corpo, sin dai primi anni di vita.

Devo ammetterlo, in famiglia siamo pochi fortunatamente, e mai nessuno se la prende se le mie bimbe non vogliono baciare qualcuno in quel momento. Né i miei genitori, né i miei suoceri sono del tipo “Vieni a dare un bacino al nonno sennò mi offendo!”…

Io da piccola, Agrid e la sora Lella.

Purtroppo, a volte, ci sono zii e parenti vari che fanno sentire i bimbi in colpa se questi non si fanno riempire di baci. Spesso si tratta di quei zii che si vedono solo a Natale o a poche feste annuali e con cui, naturalmente, i nostri figli non hanno il tempo di instaurare un certo senso di appartenenza e scambio di affetti. Io avevo la zia Maria e lo zio Walter che volevano il bacino. Io non li vedevo praticamente mai, e mi ricordo che insistevano a tal punto che io – bambina educata – alla fine accettavo: lei, spiccicata alla sora Lella, odorava di canfora e lui, Agrid di Harry Potter (tranne i capelli) mi strizzava talmente tra le grandi braccia che non vedevo l’ora di divincolarmi.

Emma e i vicini di casa.

Quando Emma aveva 2 anni non voleva salutare nessun vicino di casa. Io non insistevo e non la giustificavo. Non mi piaceva soprattutto attribuirle delle qualità caratteriale che sapevo non le appartenevano, solo per fare l’educata. cioè, giustificarla con il classico: “È timida”, non mi piaceva per nulla. Sapevo che invece era, giustamente, diffidente. Chi sono quelle persone? Chi le conosce? A volte mi toccava anche correggere il tiro di questi vicini di casa che si sentivano, loro, in dovere di giustificarla. Se loro dicevano “è timida” e sorridevano affettuosamente, io – purtroppo per loro – non gliela lasciavo neanche passare, correggevo il vocabolo dicendo: “È riservata, piuttosto”. Toglievo un po’ di simpatia al momento? Può darsi. Il mio scopo era evitare che mia figlia si identificasse con la timidezza attribuitale.

Come districarsi tra educazione e rispetto per sé?


Ecco quattro importanti motivi per cui è consigliabile non insistere mai se i nostri figli non vogliono baciare o farsi abbracciare da qualcuno:

1. Imparano che hanno il potere di controllo sul proprio corpo. Se sono loro a decidere se baciare o abbracciare tale parente o vicino, sanno che possono scegliere e che hannno il potere di controllare loro il proprio corpo. Questo messaggio sarà utile anche a scuola con i compagni, se non se la sentono di fare qualcosa, avranno più forza interiore per dire no al gruppo dei pari.

2. Imparano che nessun adulto ha il diritto di toccarli se non vogliono. Mi pare ovvia l’implicazione positiva sottostante questa scelta. Certo, nulla capiterà se si insiste per un bacino alla nonna che non riesce mai a vedere il nipotino. Magari, aspettando 5 minuti, sarà il nipote stesso a volere il contatto con la cara nonnina. Capitava a me con la bisnonna, un po’ troppo esuberante che quasi spaventava le bis nipoti. Dopo qualche minuto erano loro stesse a volerle saltare in grembo per giocare.

3. Imparano che anche i parenti non hanno diritti speciali. Anche questo mi pare un motivo molto interessante. Statisticamente lo sappiamo tutti, spesso gli abusi verso i piccoli venivano (mi permetto di parlarne al passato, speranzosa) attuati da famigliari. E allora, se insegnamo ai nostri figli che neppure i parenti più stretti hanno poteri speciali su di loro e che loro, e solo loro stessi, hanno la scelta su di sé, è un messaggio importante da inculcare.

4. Mantengono un naturale distacco dagli estranei. Se oggi imparano che possono dire di no al bacino affettuoso o all’abbraccio innocente dei parenti, domani potranno dire di no anche a strane richieste di estranei fuori da scuola o per strada.

Ecco perché è così importante iniziare da piccoli e iniziare in un ambiente protetto come la famiglia. Se un domani non fosse più la richiesta di un bacino affettuoso tra parenti il giorno di Natale, se un domani fosse una richiesta di appartarsi con un conoscente o uno sconosciuto, tuo figlio o tua figlia sarà in grado di capire la “stranezza” della proposta e sarà forse più propenso/a a dire “No, grazie, resto qui”.


TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO DI DEBORA CONTI, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!

Debora Conti, autore dell'articolo: Educazione e rispetto per sé? Non obbligare tuo figlio a baciare qualcuno!
Educazione e rispetto per sé? Non obbligare tuo figlio a baciare qualcuno! – Diventa Genitore Leader e Coach – Figli Felici
Un articolo di Debora Conti, mamma, Trainer di PNL da più di 10 anni e l’unica operatrice certificata in Europa per lo Yale Parenting Method presso Yale University, ideatrice del metodo Figli Felici. Nel 2013 ha ideato il metodo Figli Felici ed è autore del libro “Il Linguaggio Emotivo dei Bambini” con Sperling & Kupfer.

3 video gratis per crescere i figli in un ambiente sereno… per tutti!

Il primo video ti parlerà di come “complimentarsi”, cioè l’elogiare o praise in inglese. Il secondo video introdurrà la tecnica dell’ignorare. Nel terzo video capiremo come sono neurologicamente così diversi rispetto a noi.

I bambini non riescono ancora a interpretare le emozioni a livello conscio, ma arrivano a «imitarle» facilmente, cioè a viverle per apprendimento ed emulazione. Debora Conti - Speling & Kupfer - Metodo Figli Felici - Kazdin Parenting Method  - PNL - Programmazione Neurolingiostica - Yale Parenting Center

I bambini non riescono ancora a interpretare le emozioni a livello conscio, ma arrivano a «imitarle» facilmente, cioè a viverle per apprendimento ed emulazione. Debora Conti - Speling & Kupfer - Metodo Figli Felici - Kazdin Parenting Method  - PNL - Programmazione Neurolingiostica - Yale Parenting Center

I bambini non riescono ancora a interpretare le emozioni a livello conscio, ma arrivano a «imitarle» facilmente, cioè a viverle per apprendimento ed emulazione. Debora Conti - Speling & Kupfer - Metodo Figli Felici - Kazdin Parenting Method  - PNL - Programmazione Neurolingiostica - Yale Parenting Center

Potrebbe piacerti anche…

Perché i bambini fanno i capricci?
26.998
Ecco una domanda da un milione di dollari... Vediamo innanitutto cos'è un capriccio e poi in questo articolo cercheremo di individuarne le cause. In un prossimo articolo troveremo anche i modi di risolvere e far diminuire i capricci. Cos'è un...
Perché mio figlio non ascolta quando parlo? 9 ragioni valide
68.250
Quante volte te lo sei chiesto: "Perché mio figlio non mi ascolta?" Ecco 9 ragioni valide per cui non lo fa. I nostri figli sono fantastici: hanno la piena capacità di isolarsi e di "abbassare" il volume degli altri che parlano... Sono particolari e...
2 Dritte dalla Positive Discipline
8.899
La Positive Discipline è creativa, rispettosa, dolce e ferma. La Positive Discipline non è né punitiva né permissiva. Ma cos’è allora la Positive Discipline? Ecco due dritte da questa disciplina diffusa negli Usa da Jane Nelsen e Lynn Lott. In...
Dare regole ai bambini, per non viziarlo
11.252
Le emozioni dei figli sono qualcosa di misterioso per molti genitori. Ne conosco molti che si aspettano che i propri figli siano già capaci di intendere le più fini sottigliezze emotive. Ne conosco altri poi, o forse le due categorie si sovrappongono...
Come preparare tuo figlio all’arrivo del fratellino o della sorellina
23.565
Ricordo quando aspettavo Tessa, e Emma aveva due anni. Le facevo ascoltare la pancia, le spiegavo chi c'era dentro, e le leggevo libri che parlavano di fratellini. Sotto sotto però avevo paura che, una volta nata la sorellina, Emma si fosse sentita...

Comments 24

  1. e se il bambino non saluta nessuno,mamma papà maestre o nonni,amichetti…3 anni e mezzo non ne ha mai voluto sapere. il bacino non mi interessa,ma salutare è il minimo…

    1. facebook-profile-picture Post
      Author

      Cara Mimma, grazie per la tua osservazione. Quello che capita al tuo bimbo “grandicello” credo dipenda da tutt’altro. Ha appena vissuto l’ingresso alla scuola d’infanzia? Si trova bene? E’ integrato? Era abituato ad andare al nido o è la sua prima esperienza di separazione?

      E poi, dorme sufficientemente? E’sereno al risveglio o piange?

      E ancora, voi passate del tempo con lui? Di qualità? Coccole? Condivisione?

      Un abbraccio e spero di essere stata utile,
      Debora

  2. Io mi trovo dall’altra parte, ricevo i genitori e i bambini a scuola, e a volte mi trovo a disagio, i genitori brontolano al figlio se non saluta, e io a volte mi trovo nel giustificare il piccolo…

    1. facebook-profile-picture Post
      Author

      Ahahah, forte Cristina! Vero. Anche a me – solo come genitore – mi capita di sentirmi in obbligo a giustificare il figlio dell’amica che non mi saluta. Io cerco di trattenermi e mordermi la lingua. Ho sempre fatto l’avvocato dei più deboli (o così mi dicevano da adolescente) e ho imparato che a volte faccio danno, a loro o a me, o non serve a nulla. Quindi, mi forzo ad astenermi. Riusciresti anche tu? Come potresti farlo?
      Un bel sorriso, anche al bambino… 🙂

      Buon lavoro,
      Debora

  3. Salve, mio figlio utilizza il negare il saluto/bacio come segno di protesta, come disappunto a delle situazioni e ritengo importante chiedergli se c’è qualcosa che non va o fare delle ipotesi… molto interessante sottolineare l’importanza della riservatezza e del diritto sul proprio corpo!

    1. facebook-profile-picture Post
      Author
  4. Anche mio figlio è molto restio si baci, soprattutto ai nonni. All’inizio mi dispiaceva molto perché in fondo loro cercavano solo un po di affetto poi ho capito che lui ha bisogno dei suoi tempi e della sua riservatezza, non desidera essere toccato se non si fida e ho accettato il suo comportamento
    Però siamo arrivati ad una trattativa, lui saluta e dice ciao poi quando se la sente corre a dargli un abbraccio o un bacio
    Ascoltate il comportamento deii vostri figli vi dirà molto di più delle loro parole

  5. Ciao,
    Credo che il “salutare” debba essere insegnato, fa parte delle convenzioni sociali, delle regole che i bambini devono imparare per vivere nella società, come si insegna a non spingere o a non urlare in biblioteca. Per salutare non intendo contatto fisico ma un semplice ciao o buongiorno, al pari delle abilità motorie, linguistiche anche le abilità sociali vanno insegnate e praticate a prescindere dalla personalità riservata, timida o diffidente.
    Annalisa

    1. facebook-profile-picture Post
      Author
  6. Buongiorno, io trovo interessante l”articolo perchè il bambino che non vuole farsi toccare abbracciare anche da suo padre che non lo vede da molto tempo lo capisco anche se in un certo senso devi spronarlo ad avere contatti con il proprio padre per quanto assente possa essere ed essere stato. Capisco anche quando non ne vuole sapere della nonna salvo poi andare a coccolarla quando le “gira”…
    Discorso inverso per la scuola, essendo che si é inserita ed ha preso confidenza con le maestre che la curano e la coccolano mi sembrava se non ovvio almeno doveroso che le salutasse, poi se le saluta con un bacetto sulla guancia ancora meglio penso io, perchè loro si prendono cura dei nostri figli quando sono all’asilo, mi sembra il minimo che un bambino si ricordi di dare un bacetto anche alla maestra affettuosa. Certo se c’è il giorno che non la saluta neanche con il ciao è perchè è preso dal ritorno della mamma. Perciò sì al saluto alla maestra e se si ricorda sì anche al bacetto. 😉 no?!?

    1. facebook-profile-picture Post
      Author

      Cara Ejona,
      Come sottolinei tu, i bambini hanno bisogno di tempo per avvicinarsi loro. Se il papà è spesso distante, tuo figlio avrà bisogno di un’oretta o meno per riprendere confidenza. Per il bacino alle maestra non credo che le maestre ci rimangano male se non glielo danno… Sono maestre e lo sanno. Io non forzerei, per logiche spiegate nell’articolo. Quindi, come alla fine dici tu, Sì al saluto alla maestra e opzionale il bacino.
      Però, a scuola tra virus e nasi mocciolosi, credo che la maestra sia solo contenta se i bambini non le danno tutti il bacio, eheheh!

  7. Che bello leggere questo articolo, sono esattamente le stesse cose che dicevo a mia mamma, quando i miei figli erano piccoli e lei insisteva per avere un bacio (quando loro non volevano). Dicevo proprio che mi pare fondamentale che possano dire di “no” alla richiesta di un contatto fisico da parte di un adulto, perchè se imparano che il loro corpo è a disposizione di tutti….stiamo freschi!
    Allora non ero pazza 😉

  8. Buonasera, mia figlia che ha cinque anni, è molto determinata nelle sue scelte sia relazionali che comportamentali. Da un anno ad oggi si mette quasi sempre i soliti abiti, incominciano ad essere logori…veniamo giudicate. Io l’ho brontolata tanto ma alla fine mi sono rassegnata …è comunque pulita.

    1. facebook-profile-picture Post
      Author

      Cara Simona,
      la cosa bella è che sia determinata. Interessante sarebbe sapere quanti sono questi “soliti abiti”, se riesci a fare il giro delle lavatrici sei comunque salva per ora. Ma se si rovinano lei non dice niente se ha buchini o altro? Le puoi chiedere perché vuole gli stessi vestiti, in un momento calmo, di coccola e intimità fra di voi. Magari perché la fanno sentire sicura o buone emozioni, o la proteggono da qualcosa… Sai la testa dei bambini…
      Hai provato a portarla con te a comprare qualcosa?
      E se poi ci andrà stretta nei vestiti, dovrà rassegnarsi no?
      La determinazione però mi piace, brava la figlia! La mamma però deve essere determinata almeno quanto la figlia, non per fare un testa a testa ma per essere la sua guida 🙂
      Deb

  9. Cara Debora questo tuo articolo è capitato proprio in un momento di “sconforto” dopo l’ennesima discussione con mio marito perché mostra figlia di 4 anni e mezzo non dà il bacino ai miei suoceri.la colpa ovviamente è risultata mia,perché non le insegno l’educazione e perché la tiro su come un’anarchica semplicemente per fare dispetto alla suocera.premetto che a mia figlia ho sempre detto che almeno salutare e rispondere alle domande é sinonimo di cortesia e buona educazione ma dopo l’ennesimo “no” alla domanda “vieni a dare un bacino alla nonna” ho detto che quello se non se la sente fa lo stesso,che il bacino è un di più e non significa essere maleducati se non lo si da.mio marito è saltato su allora a dire che dovrà poi accettare le conseguenze se poi i nonni non verranno più a trovarla avendo questo comportamento.a me sembra di sognare…sono io che sbaglio??

    1. facebook-profile-picture Post
      Author

      Carissima Sara, lo sai come la penso. Parla sinceramente a tuo marito e spiegagli che è utile ciò che fate (non obbligare vs figlia) perché le serve per rispettare se stessa, le sue decisioni, la sua persona… il suo corpo. Per ora sono scelte “innocenti”, un domani potrebbero essere scelte importanti. Parlane con il cuore aperto e ti capirà sicuramente,
      Deb

      1. Grazie infinite. Ai suoceri che minacciano di non venire più a trovarla cosa posso dire?per altro da pochi mesi è nata anche la sorellina quindi già le attenzioni da parte di amici e parenti sono rivolte più alla piccola….

        1. Riusciresti a parlargli come a tuo marito? O tuo marito riuscirebbe a parlargli lui? Prima che arrivano a casa, fai in modo di dire a parenti e amici di portare un regalino anche alla grande, o comprane tu un po’ di più e ti prepari….

  10. Salve Debora, grazie per l’articolo. Sono pienamente d’accordo per i baci ed infatti non forzo mai mia figlia di quasi 4 anni ma piuttosto le do l’alternativa di lanciare i baci, e così abbiamo risolto. Ma il mio problema adesso è che il più delle volte nega il saluto, soprattutto al nonno dicendo che si vergogna, capita anche con le amichette appena arriva a scuola perchè ha bisogno di carburare la mattina e lei si giustifica sempre dicendo che non saluta perchè si vergogna. Vive in un ambiente sereno, giochiamo con lei e passiamo del tempo di qualità insieme ma ha questo carattere forte e sembra sempre un braccio di ferro per tutto. come comportarmi? insistere per il saluto? ho provato ad arrabbiarmi a fare l’indifferente a prometterle premi forse tutte cose sbagliate perchè ad oggi il risultato è che risulta maleducata non salutando quasi nessuno! grazie per i consigli!

    1. facebook-profile-picture Post
      Author

      Ciao Elisa, potresti a. totalmente ignorare la cosa e stare serena e fiduciosa che prima o poi lo farà, b. farle notare, senza tanto spirito di competizione che qualche sua amica lo fa, così, a titolo d’informazione. c. vedere un libricino in cui hello kitty o un altro personaggio è educato e saluta d. potresti renderla divertente del tipo salutare su un piede solo!!! Da provare, eheh

  11. Ciao io volevo sapere come devo reagire dopo che ho visto mio figlio maschio di sette anni si baciava in bocca con suo cuginetto della sua età

    1. facebook-profile-picture Post
      Author

      Ciao Cristina,
      credo niente. A 7 anni si gioca ancora, si esplora, si studiano le reazioni degli adulti.


      E anche se fosse, scusa…
      Mi raccomando di ritenere frasi tipo è “sbagliato”, “sporco”, o simili.

      Bona crescita emotiva

  12. Ciao Debora,

    io invece volevo chiederti una cosa legata al bacio.
    Recentemente leggevo un articolo che sconsigliava i baci sulla bocca
    tra mamma e bambino perchè “gesto erotico che potrebbe essere
    frainteso dal piccolo”. Ma secondo te è davvero così??
    Io do baci sulla bocca ai miei bambini, li davo a mia mamma da piccola
    e anche a mia sorella (che è molto è più grande di me e mi ha fatto un pò da mamma)
    e li davo ai miei nipoti quando erano piccoli.
    Non ci ho mai visto nulla di male e ovviamente, crescendo, questa abitudine si è persa
    in maniera del tutto naturale e da parte di entrambi (bambini e adulti)… un pò come si perde l’uso del
    dare la mano: da piccolo dai la mano alla mamma ed è normale, a 10 anni non vai più in giro mano
    nella mano…
    Vedo e sento tante mamme che assolutamente ritengono sbagliatissima questa cosa…
    Anche secondo te è così dannosa? Io la ricordo una cosa dolce e affettuosa …

    Roberta

    1. facebook-profile-picture Post
      Author

      ciao Roberta,
      guarda… parli con una a cui capita di dare un bacio in bocca alle figlie. Poi ridiamo e ci diciamo “bleah, sbausciona” 🙂 (bauscia in milanese è saliva, bava).
      Io non ci vedo nulla di male se fatto naturale e tra le altre cose d’affetto. Io da piccola facevo i baci giro in giro alla faccia della gente: partivo dalla fronte e facevo il giro per poi tornare. Figurati un po’!
      Chi pensa all’erotismo esagera. E allora cosa fa? Non fa le pacche sul culetto affettuose? Allora se capita non aiuta il bimbo o la bimba a fare il bidet? E la cremina sul culetto arrossato? Per favore…
      Sono cose che come dici tu poi spariscono perché sono loro a dirti “Dai mamma, bleah!” e poi si ride insieme 🙂

      Vai serena e sii naturale e va bene così Roberta… Questa è la mia opinione di mamma e da “non-dietrologa” 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *