Stare con i figli: tempo di qualità o quantità di tempo?

Ci sprona Papa Francesco: “trovate il modo di perdere tempo con i vostri figli”. E ce lo confermano le ricerche scientifiche della Yale University e una mamma avvocato che ha lasciato la sua carriera per passare del tempo con i suoi figli.


TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO DI DEBORA CONTI, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!


Tra la qualità a tutti i costi

…e la quantità di tempo passata con loro, le statistiche ci dicono che vince la quantità di tempo. Gli studi in merito sviluppati presso la Yale University ci dicono che per dimostrare il nostro amore ai figli non c’è affatto bisogno di regali speciali o di gite spettacolari, basta la presenza.

L’Harvard Magazine ci racconta della mamma che ha abbandonato la sua carriera per dedicarsi a sua figlia e al piccolo che portava in grembo. La conclusione fu che: “il tempo di qualità non funziona con i bambini. Se i bambini dovessero scegliere tra passare un’ora al giorno con una mamma perfetta o tutto il giorno con una mamma schizzata, preferirebbero il giorno intero con la mamma schizzata” (leggi qui in inglese il suo cambio di vita) Be’, direi, evitando gli estremi, ci arriviamo tutti che passare del tempo, o – come dice Papa Francesco – “perdere tempo” con i figli, è importante per loro: per creare quel legame d’amore e intesa che durerà in eterno.

Esistono due risvolti positivi:

  1. Mamma che passi del tempo con tuo figlio, che gli stai accanto, nel bene e nel male e che non sei perfetta, anzi a volte sbrocchi… Sappi che tuo figlio preferisce averti così, piuttosto che non averti. Per lui, o per lei, conta molto la tua presenza, moltissimo: condivisione, contatto, presenza…

  2. Per farli contenti e per crescerli con una sana stima di sé è sufficiente STARE CON LORO. Non dobbiamo portarli a vedere spettacoli mirabolanti o fare ogni giorno qualcosa di speciale. Basta fare un puzzle insieme, girare il sugo insieme, stendere i panni insieme, guardare un cartone insieme, leggere una storia insieme, pulire il bagno (in qualche modo!) insieme. La parola chiave è “insieme”.

Se in un altro articolo ho voluto parlare di quel tipo di mamma che ha paura a staccarsi dai figli, e così esagera e li soffoca con la sua perenne e solitaria presenza; qui la mamma e il papà sono sensibilizzati a passare del giusto tempo con i propri figli.

Ahi ahi! C’è un però.

  • Molti genitori lavorano entrambi fino a tarda sera e non riescono materialmente a passare del tempo con figli. Alcuni sanno che li affidano ai nonni amorevoli e quindi sono comunque sereni, altri invece si sentono in colpa e cercano di rimediare con doni, regali o troppi eventi speciali… e stancanti.

  • Se sei un genitore distante per necessità, piuttosto che espiare i sensi di colpa con regali o eventi troppo speciali (circo, teatro, cinema, gite, viaggi, centri di gioco, giostre…), cerca di colmare i vuoti con semplicità: tenendogli la mano, mettendolo a letto con una storia, abbracciandolo un po’ più a lungo, parlandogli occhi negli occhi teneramente, insegnandogli ad allacciare la cerniera con pazienza.

Fai sentire la tua presenza per quel tempo semplice che è la vera qualità del tempo.

E allora, come ci suggerisce Papa Francesco, è importante imparare a “perdere tempo” con i nostri figli, senza nulla di speciale, dando tempo al tempo e riconoscendo la sua presenza nella tua vita.


TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO DI DEBORA CONTI, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!

Debora Conti, autore dell'articolo: Stare con i figli: tempo di qualità o quantità di tempo?
Stare con i figli: tempo di qualità o quantità di tempo? – Diventa Genitore Leader e Coach – Figli Felici
Un articolo di Debora Conti, mamma, Trainer di PNL da più di 10 anni e l’unica operatrice certificata in Europa per lo Yale Parenting Method presso Yale University, ideatrice del metodo Figli Felici. Nel 2013 ha ideato il metodo Figli Felici ed è autore del libro “Il Linguaggio Emotivo dei Bambini” con Sperling & Kupfer.

3 video gratis per crescere i figli in un ambiente sereno… per tutti!

Il primo video ti parlerà di come “complimentarsi”, cioè l’elogiare o praise in inglese. Il secondo video introdurrà la tecnica dell’ignorare. Nel terzo video capiremo come sono neurologicamente così diversi rispetto a noi.

Il Linguaggio Emotivo dei Bambini, un liro di Debora Conti

Potrebbe piacerti anche…

Appartenere e distinguersi: 1 dritta dalla Positive Discipline
8.344
In inglese si dice Belonging and Significance, lo ha detto Rudolf Dreikurs con Alfred Adler (ma lo ha anche detto Maslow nella sua Piramide…). In italiano si traduce: appartenere e distinguersi al/dal nucleo famigliare. Ma cosa vuol dire? Se ne tieni...
Come insegnare le regole ai bambini?
28.775
Fate quello che dico ma non fate quello che faccio... No no no! Non è così che si fa a insegnare le regole ai bambini. Se ci tieni a vedere tuo figlio che si lava i denti ogni sera, fatti vedere farlo. Se vuoi che parli a bassa voce, non puoi urlare...
Tristezza e figli: cosa fare?
8.747
Primo di tre video sull’argomento emozioni dei nostri figli e perché è importante riconoscerle e come. Parliamo di tristezza e figli e scopriamo cosa fare, cosa non fare e vari casi. Il suggerimento base è quello di rispettare e riconoscere...
Enuresi diurna: pipì a 4 anni risolta in 10 giorni!
43.809
Come si risolve la pipì di giorno di un bambino già grande? E quali potrebbero essere le cause? Ecco un caso di enuresi diurna di una precoce bimba di 4 anni e che potrebbe aiutarli a risolvere il tuo. Mi scrive una mamma: La mia bambina di 4 anni è...
5 strategie per essere genitori migliori partendo da noi
23.716
Proseguono le soluzioni per come essere genitori migliori. Ho già parlato di cose da fare CON loro, oggi mi riferisco a TE e al tuo di benessere. Quando si hanno dei figli si pensa praticamente sempre a loro, si vive per loro, si compra per loro, si...

Comments 5

  1. Ciao Debora, ho appena letto il tuo articolo e mi sento un pochino giù…. sono una neo mamma con un attività in proprio e ho iniziato a lavorare quando il mio bimbo aveva solo poche settimane, farlo mi è costato molto, ma non avevo scelta una donna con attività in proprio se non può permettersi di avere chi la sostituisce non può assentarsi dal lavoro in quanto lo Stato non perdona ritardi di pagamenti e mancati guadagni bisogna giustificarli….come vedi mi sto giustificando in quanto mi sento in colpa e una mamma non proprio al top per aver lasciato il bimbo cosi presto. Ho paura che il mio bimbo non mi riconosca come mamma visto che passa più tempo con la nonna. Ho cercato di modificare l’orario essere a casa prima una mezza giornata in più libera ma che non sempre riesco a concedermi per impegni inderogabili. Quando sono con lui lascio anche perdere i lavori casalinghi per dedicarmici al massimo. E poi leggo il tuo articolo dove dici che se si lavora ci sono altri modi per manifestare amore ai bimbi ma che infondo è meglio passare più tempo con loro. E mi sono sentita una mamma di serie B… non posso lasciare la mia attività e non voglio, ho dipendenti, responsabilità e anche ambizioni. Ma voglio in tutto ciò essere una brava mamma che dà tanto amore e sicurezza al suo bimbo nonostante il tempo che passo con lui è inferiore di quello di altre mamme, insomma avevo la convinzione che potevo farcela. E ora mi si smonta tutto… non voglio accontentarmi di dire non ho scelta ma sarebbe meglio se… Vorrei essere una mamma presente anche se lavora. Quindi è impossibile?
    Marianna

    1. facebook-profile-picture Post
      Author

      Carissima Marianna, ma certo. Sei una mamma che si fa domande, che è consapevole che passa tanto tempo a lavorare e che è responsabile del lavoro, dipendenti e mille cose. Non è affatto facile fare sia la persona che lavora, e che ha responsabilità verso altre persone e famiglie, e fare la mamma.

      Conosco una mamma che in settimana lascia il figlio ai nonni e torna la sera tardi. Quando il figlio era piccolo, lei si sentiva in colpa e riusciva a stare bene solo dormendo con il piccolo nel lettone. Come biasimarla. Anche se scomodo, per lei era un’àncora. Forse più per lei che per il figlio. Nei w-e infatti, lei staccava il telefono e non c’era per nessuno, solo per la famiglia: marito e figlio.

      Ci sono persone che dicono che bisogna pensarci prima, che se fai un figlio devi dedicartici, io non sono d’accordo, troppo facile a dirsi. Ci sono mamme che hanno lasciato la carriera per i figli (anche per necessità organizzative, e che però lo hanno fatto a malincuore. Sono argomenti difficili e complicati. Non posso pronunciarmi. So solo che le scelte personali devono essere rispettate fintanto che i membri della famiglia si rispettino fra di loro e diano amore al figlio.

      Ci sono figli cresciuti benissimo, che adesso hanno la nostra età e che sono stati allevati dai nonni. E che c’è di male? Sì, è vero, sei la mamma, ma l’amore non gli manca. Anche se lavori tanto credo che lo sappia benissimo tuo figlio che sei tu la mamma. Se quando ci sei, lo fai sentire, non vedo il problema.

      Sii serena Marianna e fintanto che dai amore e educazione, non vedo i problemi. Pensa a quando i figli venivano cresciuti da mamme, nonne, zie in comunità…
      Un abbraccio

  2. Grazie Debora, anch’io spesso lo tengo nel lettone e respiro il suo profumo mentre dorme. Forse non é bene nemmeno questo ma faccio e voglio fare del mio meglio per lui!! Anche se lavoro lui comunque é al primo posto sempre!!

  3. Mio figlio di 3 anni e mezzo ha iniziato l’asilo a 15 mesi… Abbiamo sempre avuto un bel rapporto sino al momento in cui mi son potuta dedicare a lui esclusivamente… Però dai 24 mesi in poi, mi capita ogni tanto (frequenza 1 volta ogni 30 40 giorni) di sbroccare o vivere momenti in cui non mi riesco a controllare nel rimproverarlo, urlando o perdendo la pazienza, alle volte adottando un sistema educativo poco includente, aggressivo. Non sono a un livello brutto. Cioè ho visto di peggio… Tra l’altro sono contenta anche del lavoro fatto con il mio piccolo ometto sin ora, è sensibile e molto bravo, simpatico per natura e curioso!!! Però sto vivendo una fase in cui vorrei più libertà, uno spazio mio…. Lui va alla materna sino alle 2 e io lavoro in quelle ore poi tutto di corsa…A volte il tempo insieme nell’ultimo anno non è abbastanxa costruttivo… Prima dipingevamo, un puzzle…ora molta tv e già giochini tipo videogames anche educativi ma poco interattivi! Insomma non mi sento pienamente soddisfatta! Mi sento incoerente. Superficiale. Una mamma mediocre ultimamente. Come posso migliorare?

    1. facebook-profile-picture Post
      Author

      Ciao Giorgia,
      grazie. Non capisco qui “Abbiamo sempre avuto un bel rapporto sino al momento in cui mi son potuta dedicare a lui esclusivamente…” In pratica andava meglio quando avevi altre occupazioni?

      Poi dici che 1 volta ogni 30 giorni sbrocchi… moderato, tu dici. Quindi, intendi qualche urlo? Io direi che se è così come capisco sei MOLTO brava. Perdere le staffe è normale, anzi, fisiologico, la tua mente va in sovraccarico per i mille stimoli e poi scatta qualcosa che richiede silenzio, ordine o altro della nostra mente “sviluppata”. Sappi che è naturale.

      giustamente dici che “una fase in cui vorrei più libertà, uno spazio mio”: bene, cosa potresti fare per avere un paio d’ore a settimana per te? A chi potresti appoggiarti? Nonni? babysitter? Marito? Tuo marito lavora ma anche tu lavori e poi essere a casa con il bambino è un lavoro paradossalmente più stressante che un lavoro d’ufficio perché sei costantemente a sua disposizione, devi controllare che non si faccia male o faccia altro, portarlo fuori, ascoltare le sue storielle, canzoncine e così via. Due ore a settimana mi paiono legittime. Cosa potresti fare? Un corso di qualcosa? Un pomeriggio via a fare shopping da sola? Chi può aiutarti? Ti ricordo che in famiglia i genitori sono due e, se proprio non riesce in settimana, nel w-e il papà ti potrà aiutare.

      Poi dici “Prima dipingevamo, un puzzle…ora molta tv e già giochini tipo videogames” e su questo NON sono per niente d’accordo. non frintendermi, io alle mie figlie faccio vedere un cartone la sera prima di cena, soprattutto d’inverno per rilassarsi. Ma sono film “controllati” da noi con la apple TV, con il papà francese per noi sono anche in lingua, non c’è pub e non ci sono strani e violenti mostri. al di là di questo, rai yoyo è un’ottima alternativa. Le altre, a 3 anni e mezzo un po’ meno…

      Sui videogames non sono d’accordo. Ci sono moltissime ricerche che dimostrano che tuo figlio ora deve giocare con giochi in 3D, fisici, reali e non con schermi piatti. Rischia di limitare lo sviluppo della sua percezione spaziale, oltre che possibilmente limitare la vista… Ha SOLO 3 anni e mezzo, per i giochini c’è tempo. Fallo giocare anche da solo in camera sua o in salotto, senza TV, solo con musichina eventualmente. La tv deve restare accesa solo se la si guarda e non come compagnia (caos direi io). Fallo giocare da solo prima per 10 minuti, poi per 15 e poi un po’ di più, è grande abbastanza. Se fosse il terzo di tre figli, cosa farebbe da solo? Quanto giocherebbe da solo?

      Un abbraccio
      Debora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *