HomePNL per Genitori ⟩ È giusto SGRIDARE i BAMBINI in PUBBLICO?

È giusto SGRIDARE i BAMBINI in PUBBLICO?


È stato sgridato in pubblico e messo in imbarazzo. È giusto sgridarlo in pubblico? Qual’è il limite quando fanno una cosa che non va? Come li si gestisce? Ferma? Controlla? Educa?

educazione figli, gestire capricci, educazione genitori

Ecco una situazione e alcune domande sullo sgridare i bambini in pubblico:

La scena


Bimbo (che chiamerò Andrea) di sei anni che giocava con altre compagne ai giardinetti. Una delle bimbe si mette improvvisamente a piangere e accusa il bimbo di averle fatto male. La mamma, che non ha visto la scena e che stava chiacchierando proprio con la mamma della bimba “colpita”, reagisce contro suo figlio immediatamente.

La mamma. Le sue parole sono state: “Andrea, che hai fatto? Le hai fatto male. Chiedi scusa. Non farlo mai più! Vai a chiedere scusa. Va che ti porto a casa subito.” Il tono di voce era alto e il tono aggressivo.

… e non è finita così. La mamma di “Andrea” insiste: si rivolge alla bimba piangente e le dice che poi risolverà punendolo dopo a casa… visto che – chiaramente – il bimbo non aveva alcuna voglia di chiedere scusa.

Il bimbo: paralizzato dalla situazione, non reagiva, sembrava perso. Guardava da altre parti e non sapeva cosa fare.

La realtà: io, che avevo la scena nella mia visuale, non ho visto nessuna aggressione. Semmai, si devono essere sfiorati (più che scontrati), e non certo di proposito, ma giocando.

Cosa ha sbagliato la mamma del bimbo che ho deciso di chiamare Andrea?


Diverse cose:

  1. Ha sbagliato a urlare.
  2. Ha sbagliato a non chiedere a lui cosa fosse successo.
  3. Ha sbagliato a fare una scena davanti a tutte le mamme mettendo in imbarazzo lui e tutte le mamme che non sapevano se o come intervenire (visto l’impeto della mamma infuriata).
  4. E, anche se fosse stato vero, ha sbagliato a chiedere a suo figlio di chiedere scusa nell’immediato e pubblicamente.
  5. Ha minacciato una punizione che probabilmente non ha messo in atto a casa.

Se fosse veramente accaduto qualcosa di scorretto, il fatto di non aver subito alcuna conseguenza, avrebbe dato carta bianca al figlio per farla ancora.

Lo sapevi?

Lo sapevi che per promuovere l’autonomia dei tuoi figli e le loro capacità di Problem Solving è utile fare loro domande “sinceramente curiose“? Fai domande espresse in positivo e aperte per promuovere le loro soluzioni e creatività.

Cosa avrebbe potuto fare la mamma di Andrea quindi?


Magari avrebbe potuto:

  1. Andare a vedere se e come la bimba fosse “ferita”,
  2. Chiedere eventualmente scusa lei per il figlio subito per quietare l’altra mamma e la bimba (cosa che non era comunque necessaria, perché la mamma della bimba era tranquilla),
  3. Subito chiedere ad Andrea cosa fosse successo e se lo avesse fatto apposta.
  4. Proporre una alternativa del tipo: “La prossima volta che lei ti fa quella cosa potrai… // Se correte troppo vicini rischiate di scontrarvi e farvi male, la prossima volta correte guardando dove va l’uno e dove va l’altra.
  5. Consolare il figlio smarrito dopo aver scoperto che non c’era nessuna premeditazione nell’eventuale scontro.
  6. Sicuramente, parlare direttamente con lui (volume di voce normale) e non fare dei giardinetti una piazza pubblica d’esecuzione.

E voi? Vi è successo di assistere a situazioni simili meglio gestite? Se i figli fanno errori, è bene avvicinarsi a loro in atteggiamento d’aiuto, dare loro la possibilità di spiegarsi e – poi, appurato il fatto – di rimediare.





Ciao, sono Debora, sperò che questo articolo “È giusto SGRIDARE i BAMBINI in PUBBLICO?” ti sia piacito. Sono autrice, formatrice e Trainer di PNL a livello internazionale. Ho scritto diversi libri di crescita personale tra cui vari best seller e pubblicato diverse formazioni. Ho ideato diversi metodi di auto-aiuto e amo divulgare in modo semplice e pratico solo ciò che trovo utile.




Potrebbe piacerti…